Caro ministro Maroni

Caro Maroni, con la tua ultima legge sui Rom hai scatenato un putiferio, attirandoci anche le antipatie dell'intera Europa.
Sebbene le tue intenzioni erano più che buone, eliminare lo sfruttamento dei bambini rom, credo che tu abbia peccato un po di ingenuità.
Come puoi pretendere di rilevare le impronte digitali a dei bambini ed in più solo a quelli di una particolare etnia, puzza di razzismo lontano un miglio e rievoca vecchie pratiche ormai abbandonate da tempo.
Sei stato poco furbo, avresti dovuto fare anche tu come la Cina comunista, che in nome di una sicurezza per tutti, sta seminando tutto il suo territorio di videocamere che spiano 24 ore su 24 i loro cittadini.
Questa semplice pratica, unita poi ad un semplicissimo software di riconoscimento facciale, tranquillamente fornito dal governo americano, avrebbe permesso a te di avere sempre tutto sotto controllo e di rintracciare in pochissimo tempo chiunque avesse commesso delle azioni illegali.
Sarebbe poi bastato mettere anche da noi delle limitazioni a internet (non dimentichiamo che per il resto dell'informazione siamo già al 47° posto al mondo per censura dell'informazione) e il gioco sarebbe subito stato fatto.
Controllo completo della popolazione, limitazione delle libertà degli individui e nessuna accusa di razzismo o altro, da parte degli altri stati membri dell'unione europea.
Avresti preso i classici due piccioni con una fava, adesso invece sei ad un punto morto e non vedo molte possibilità di uscita se non quella di rinunciare alla tua proposta.
Visto che comunque sei una persona che stimo, per aiutarti ti invio il link di un sw che potrebbe iniziare a darti un idea delle potenzialità di questa tecnologia, logicamente si tratta di un sw per uso personale, non adatto ad un impiego su larga scala, ma credo che se hai bisogno maggiori dettagli basterà una telefonata in Cina e ti sapranno dare tutte le informazioni di cui necessiti.

10 commenti:

digito ergo sum ha detto...

ehi?? cosa fai??? gli dai pure idee, a quell'idiota??? guarda che se succede una roba così, è più colpa tua (e dei cinesi) che sua. ;-)

tranquillo, io non ho letto niente...

Charlie68g ha detto...

che centro io?
mica l'ho fatto io quel software
però cavolo, a pensarci bene, potrei crakkarlo, cambiargli due icone e rivenderglielo.
Hai qualche idea per il nome che potrei dare al sw?
The global big brother observer mi sembra un po troppo lungo

SerialLicker ha detto...

chiamalo "il vardanègher"
sennò il ministro non capisce

AndreA ha detto...

Non preoccuparti...tanto non ci ha capito nulla di quello che gli hai scritto!! ;-)

Fabioletterario ha detto...

Solo ingenuità? Per me è stupidità...

Charlie68g ha detto...

ottimo consiglio serial
dici che mi conviene brevettare il nome?
vuoi le royalties?
ti accontenti di una birra?

Charlie68g ha detto...

andrea, ma non è che avrà un gruppo di ricercatori che gli traduce la cosa?
si sa mai...

Charlie68g ha detto...

fabio alcune cose secondo me sono giuste. è il metodo che lascia un po a desiderare.

Charlie68g ha detto...

x tutti
piccola precisazione
la mia mente informatica mi porta a pensare che comunque un anagrafica unificata a livello di nazione darebbe i suoi vantaggi a tutti (basti pensare a quei medici che ricevevano dei compensi per persone decedute da decenni)
Non avrei nessun problema a farmi prendere le impronte digitali, non ho nulla da nascondere ed un domani potrebbero servire per numerosi scopi (autenticazioni varie, riconoscimenti di persone o altro)
L'unica cosa che davvero non approvo è il fatto di aver voluto applicare tale scelta solo a determinate categorie e non a tutti i cittadini italiani o a persone che vengono in Italia a lavorare.

marco66 ha detto...

Condivido l'ultimo tuo commento. Nulla in contrario che ci siano archivi centralizzati con le nostre informazioni a patto che questi diano un vantaggio di trasparenza e non (essendo parziali) costituiscano la possibilità da parte dei furbi di farla comunque franca.