Auguri tardivi

Giorni prenatalizi superincasinati, con un piccolo contrattempo che ha sconvolto un po tutte le cose.
Ero andato al pronto soccorso per scongiurare un infarto, e ho scoperto che invece la causa di tutto era un polmone.
E così adesso me ne sto a casina tranquillo fino al 10 gennaio e poi vedremo che dice il dottore.
Faccio mille auguri a tutti gli amici del blog scusandomi se ho latitato un po (ma ho la giustifica)
Mimmoooo, hai una sigaaaaaa

Regali svedesi

Per il 13 dicembre, giorno di Santa Lucia, Ikea ha regalato a tutti i suoi dipendenti in Italia una bicicletta: in tutto 6.200.
L'iniziativa non si ferma qui: scopo dell'Ikea e' convincere anche i consumatori a lasciare a casa la macchina. Ad oggi, di tutti i punti vendita, quattro si possono raggiungere con una navetta finanziata dall'azienda, otto con i mezzi pubblici e uno addirittura con il treno. "L'obiettivo nel medio periodo - ribadiscono dal gruppo svedese - e' che il 15% dei visitatori raggiunga i negozi con mezzi alternativi all'auto".
E il buon esempio devono darlo proprio gli impiegati con la loro nuova bicicletta pieghevole con pratico kit di montaggio.
Ma secondo voi i dipendenti dell'ikea saranno in grado di capire le istruzioni di montaggio?

Domanda

D:"Amore, ma secondo te sto meglio col ciuffo a destra o a sinistra?"
R:"Amore, staresti meglio col ciuffo...."

Quanti ricordi



Pochi giorni fa ha compiuto gli anni il commodore 64, il computer più venduto al mondo,



Molti nostalgici gli hanno dedicato una pagina a commemorazione dell'evento ed in ricordo dei bei tempi passati con lui.



Io non ero un amante del commodore, troppo commerciale



Io avevo un bellissimo zx spectrum 80



anche lui funzionava con la cassettina, anche lui quando caricava un programma emetteva dei rumori insopportabili, ma rispetto al commodore, era molto più piccolo e aveva dei morbidissimi tastini in gomma.



 

Un bel libro




Ho appena finito di leggere questo libro e devo dire che mi è paiciuto veramente tanto.



Non conoscevo Gaber come scrittore, ma il suo modo di affrontare il rapporto di coppia e le quotidianità della vita mi hanno entusiasmato; è un libro che sebbena abbia qualche anno risulta esssere sempre recente e un po miffa sorridere il fatto che quelli che possono essere dei "drammi" della vita di oggi siano stati affrontati precedentemente da lui con le stesse identiche problematiche e paure.



Forse a voi non piacerà o non dirà nulla e io non sono in grado di descrivere esattamente cosa abbia suscitato in me la lettura del libro, ma in ogni caso sono rimasto piacevolmente colpito.



 



 



 



 



 



e adesso cantiamo tutti insieme



 



 



i borghesi son tutti dei porci



più sono grassi, più sono lerci



più son lerci più c'hanno i milioni



i borghesi son tutti.....

Buon natale a tutti!!!!


Che dite, sono andato fuori tema?

Un po di musica

Ho comprato la raccolta di successi della Nannini, ma dopo il primo ascolto non so ancora se ho fatto un buo acquisto o meno.
Certamente mi sento di consigliare l'acquisto, per gli amanti del genere, del nuovo lavoro dei linkin park "Minutes to Midnight" che di sicuro comprerò al più presto (per ora ho l'album in mp3 che mi ha scaricato il mio amore)
Domani io e la Dany andremo al concerto dei Subsonica e già mi pregusto il momento.
Per ora godetevi anche voi questa simpatica cover del loro ultimo cavallo di battaglia.
[youtube=http://www.youtube.com/watch?v=cJ3pMnSe7CI&rel=1]

E' dolce






E' dolce venire svegliato da un tuo bacio




 

C'è bisogno d'amore per Dio !!!

Traslochi

Ho traslocato di blog




Ho traslocato di casa




Ho traslocato di ufficio




Che altro devo aspettarmi adesso?

pliiiis transleit for me !!!!

Zorz: Oh varda ci cus vecc? mo a t?ei na cira che ti smiat ul diavul ca l?è sott sant?Iori nost.

Carulign: Damoni ti sarei ti e qui lifroch d?la superstrada; tuti i agn um n?incapita una

Zorz: T?it sei torna persa in t?ul svincul

Carulign: Pensc, a seri in machina cum ul mè anvù, a l?era ul prim sem cu la faceva da nocc in augnintin in su da Dom?

Zorz: E alora. A l?è mi gnanca bruta né malconscia: asfalt nof, bela largia?

Carulign: Larc u srò ul bocc ca t?ei al post d?ul scervel, scota pena e sta quett. Serum dre a gni in su e a l?era nocc, sim rivei dont ui val augni fò par rivè a Varsc; gnanca un ciar, nota da nota. A sim necc dricc e a sim rivei a Baracc e indo, gnanca c?ui n?in fis zaa; cier e ciaritt che u smiava i luminari d?Dinal, gnanca chi i essin mia aviù ul temp par meta un quai ciar auscì a Varsc.

Zorz: Mo ti sei po mai contenta: a l?è finia, l?è conscia, a l?è bela?

Carulign: Oh scì: a l?è finia e i agn mess gnanca tant temp, maima dodasc agn, se al temp d?la galeria dul Sempiun i fisin necc a col pass i srouin inco dre iscta; conscia a so po mia, par mi la najeva begn ausci dran, in quant a bela u si ma ti e ul scindic a pensala inscì.

Zorz: Iscta cucu ta facc ul scindic?

Carulgin: Mo ti lenjat i jurnaim o ti sei maima in gir a marinjè e a trriè bicett? I l?an intervistou pa l?inauguraziun. A sentil lui u smiava cu l?es facia da par lui insema a qui margnocc d?la cumuna; e po dimm sa l?è a sei piturè i piloi da marun par fai smiè pusè bei; u sroc parecc si piturasin lui cum ul minio quand u parla par fal smiè meno nuios; nuios a l?è e nuios u armana.

Zorz: Mo quand i an inaugurou la Tor e la ?Via Volante? a l?a bè parlou begn

Carulign: La Tor a l?è l?unic lavor pulit ch?ian facc qui d?la cumuna, ma auscì indo i am bè mess tutt ul yemp c?ui valeva. A l?inauguraziun d?la Via Volante ul scindic a l?à parlou propi begn; u smiava un gugnin d?la scola cu ripett la poesia ch?la impres a forza da sganasoi. A l?è da si stacc su tuta la nocc par imprenda ul discros a memoria, ci sa ci cu i l?ha scricc?

Zorz: MO que chi duvressin fè par cuntentat?

Carulign: I duvressin ganasè meno sui jurnai e fas vegia quand l?è l?ora e mia maima quand ui fa consc: u iera ul centenari d?ul Sempiun. Ti iei augiù qui d?la cumuna? Nota, cume su u iarruardass mia, noi da Varsc a im facc la figura da bruzzoi. P?ai manifestaziun di dujent agn d?la veia napoleonica parecc; u s?è augiù ansciugn, gnanca ch?la pasass mia da Varsc. Varsc a lera cume se u esistess mia; i an inaugurou ul ?caseificio da Trasquera? e auscì indo nota, dul cumun da Varsc u iera ansciugn. E par fè na mostra l?an ciamou i bucc at Trasquera.

Zorz: Ma piantla pena indo da rugnè, ti sei pensc d?una pariola piena da fajoi. Sa fis ul to um a t?impienirou da sganasoi.

Carulign: E mi sa fis la tu femna a srou balabegn sciagrinaa, ti sei cume qui d?la cumuna: l?unica roba ch?la po slungass da ti a l?è la tu canapia, cume Pinocchio, a forza da ciuntè ball.

Un sentito grazie

Corro il rischio di ripetermi con un titolo uguale ad un precedente post della Dany, ma è veramente un sentito grazie quello che devo rivolgere al mio amico Daniele.
Daniele è un amico con cui non ci vediamo spesso, però siamo riusciti ad andare a sciare insieme un po di volte e anche all'oktoberfest, più qualche cena ogni tanto per raccontarci i nostri casini.
Sabato mattina l'ho chiamato per chiedergli un consiglio su una modifica all'impianto elettrico e subito lui mi ha detto che domenica pomeriggio sarebbe venuto a vedere il lavoro.
Domenica si è presentato alle 16 e, armato di tutto punto, nel giro di due ore mi ha collegato i faretti e ha messo una nuova presa per il forno a microonde.
Quando ha finito il lavoro non ha voluto nemmeno un centesimo di euro e quando gli ho offerto una bottiglia di vino come ricompensa la sua risposta è stata: "Tienila lì, che la beviamo insieme".
Non posso quindi che ringraziarlo, sia per il lavoro che per la sensibilità e l'amicizia che lui sa sempre dimostrarmi.
Grazie Daniele

Una piccola raccomandazione

Caro Gesù bambino
No forse dovrei provare a rivoglermi più in alto
Caro Padre nostro
Ma forse dovrei mettere in copia per conoscenza anche quello lì che adesso ha cambiato un po le cose, si sa mai che serva
Caro Silvio
No, anche così rischia di non ottenere l'effetto desiderato

Caro A chi di competenza
Ecco, magari io non è che sia stato sempre bravo e raramente mi sono presentato in chiesa la domenica, ma tu sai che ho pagato per i miei errori (148 euro e 5 punti sulla patente mi sembrano più che sufficienti) e che non potevo venire in chiesa perchè ero troppo affacendato ad attaccare mensole. Però ti posso assicurare che sto provando a fare il bravo, che dico meno parolacce e non bestemmio più (cristo santo eprò, 5 punti sono veramente tanti, ops, no scusa, non volevo)
Vabbè
Comunque, vedi
ci sarebbe questa ragazza di cui sono innamorato e con la quale vorrei andare a convivere, tu sai che sono mesi che ci stiamo lavorando e che abbiamo subito una serie di intoppi non indifferenti
Ecco, vedi, se tu potessi avere un occhio di riguardo per domani, fare in modo che arrivino tutti i pezzi e che tutto proceda per il meglio te ne sarei molto grato ed eviteresti il rischio di altre imprecazioni e di esaurimenti nervosi multipli.
Prometto che io cercherò di essere ancora più bravo e anche la Dany verrà a messa con me la domenica, però tu cerca di aiutarci, altrimenti qui rischiamo la rissa.

Ora dovrei concludere questa mia richiesta, forse un po informale, e allora vediamo di mettere la formalità almeno nella frase conclulsiva.

Certi dell'attenzione con cui vorrete accogliere la presente, cogliamo l'occasione per porgere i nostri più cordiali saluti.


Che dite ragazzi, andrà bene?

Sondaggio

Vista l'immane quantità di minchiate che gli ex reali hanno detto e fatto in questi anni, non ultima la richiesta di danni e la restituzione dei beni confiscati dopo il loro abbandono dell'Italia, siete ancora favorevoli al fatto che i Savoia possano restare nel territorio italiano?
Io onestamente no

Sputi o ingoi - giusto per inziare bene la settimana

Vabbè, questa volta mi ci presto pure io

Quante volte lo fai la settimana? Sempre con lo stesso partner?
Vista la distanza mi tocca concentrare tutto nei we (ancora per poco), ma in quel frangente cerchiamo di recuperare il tempo perso.Sempre con lo stesso partner off course.
E quante volte lo faresti?
Tutte le volte che la guardo
E quante volte vieni, quando lo fai?
Una, ma facendolo più volte al giorno....
Luogo preferito per farlo?
Dipende dalle situazioni, ma il letto è in assoluto il più comodo
E luogo dei sogni?
Ce ne sono tanti, ma un prato in montagna rimane sempre tra i miei preferiti.
E il luogo più strano in cui lo hai fatto?
In discoteca
Posizione più frequentata?
Missionario e pecora (lei a pecora, non io)
E posizione dei sogni?
Una qualunque, basta che ci sia lei.
E la posizione più strana che hai provato?
Missionario, ma nel baule di una jeep.
Consigliamene una e sconsigliamene un'altra.
E' troppo soggettivo
Meglio nudo o mai togliersi proprio tutto?
La donna ha un armonia nel fisico che la rende bella in ogni frangente, l'uomo è meglio nudo.
Meglio buio, luce piena o penombra?
La penombra, con troppa luce devo mettere gli occhiali da sole e al buio rischio di picchiare contro gli spigoli.
La cosa più strana che hai fatto da nudo?
Il bagno in una sorgente termale in montagna
Mai provato con il sesso opposto a quello dei tuoi gusti sessuali? (Apprezzate il politically correct per gay e lelline.)
No
E mai desiderato o fantasticato di farlo?
Non proprio.
Dimmi uno/una famoso/a che ti faresti qui, subito e adesso.
La tipa della pubblicità del campari
Mai fatto non proprio da soli?
No
Fai ancora proprio da solo?
Per forza e poi dicono che chi fa da sè, fa per tre :-)
Mai fatto cyber?
SI.
Mai fatto al telefono?

Diventeresti scambista?
Sono gelosissimo!!!!!
Diventeresti Master/Mistress o slave?
Se fa parte del gioco della coppia si.
Gireresti un film porno? O almeno un video o qualche foto "ad uso personale"?
Sì, ma per uso personale.
Silenzioso/a, rumoroso/a o chiacchierone? E il/la partner?


Abbastanza silenzioso, ma ci sto lavorando ;-)


Ti piace orale?
Tantissimo, sia farlo che riceverlo
Sputi o ingoi? (Vale anche per i maschietti: pare che non tutti apprezzino il cunnilinguus...)
Ah, si può anche sputare?.
Ti piace anche il lato B?
Si, penso che sia una delle principali fantasie di noi maschietti.
A proposito di lato B, ti piace se lo stimolano?
Mai provato.
La tua zona erogena che nessuno sospetterebbe mai?
Le orecchie e il collo.
Ti senti più porcello (farlo, con gusto e voluttà), più riccio (farlo, sempre e comunque, non importa come) o più bradipo (farlo, vabbè, ma se ne può fare a meno)?


Non esiste una nuova specie animale che unisca le prime due?.

Un angolo di paradiso



Adesso vi sistemo per benino, per ora state tranquilli al calduccio, poi tra qualche giorno prometto che proverò anche a mettervi in ordine alfabetico (o forse no)



 



Come amore?


Dovevo prima spolverare e metere in ordine tutto?


Sigh


OK, lo faccio subito


 

Istigazione a delinquere

Stavo tranquillamente parlando al cellualre mentre guidavo, quando un tipo si butta in mezzo alla strada e mi fa cenno di fermarmi.
Un po imprecando e un spaventato mi fermo e mi rendo conto che il tipo in questione oltre ad essere dotato di una paletta bianca e rossa è anche munito di divisa blu.
Tra me e me mi do del pirla e, consapevole della mia infrazione al regolamento, mi accingo a dare al carabiniere i documenti che mi ha richiesto.
A questo punto il tipo attacca con una filippica che non finisce più, oltretutto esposta in maniera molto arrogante.
Preciso che le uniche mie parole alla sua prima affermazione che non si telefona mentre si guida sono state "Ha ragione".
Non avevo molta voglia di litigare e quindi me ne sono stato buono buono mentre il tipo continuava con la sua filippica.
Sono però rimasto malamente colpito dall'entità della multa (148 euro) e dalla quantità di punti che mi sono stati tolti dalla pantente (ben 5).
Ora io mi dico, anche con tre punti e 50 euro di multa avrei comunque acquistato l'auricolare, non mi sembra giusto bastonare così una persona normale, un comune cittadino.
Questo, unito alla favolosa arroganza del carabiniere, mi ha fatto prima inneggiare a fantastici inni da stadio contro le forze dell'ordine e poi è scattata in me la convinzione che convenga molto di più essere disonesti, piuttosto che comportarsi bene e subire le angherie delle forze dell'ordine, che non potendo fare nulla contro i veri criminali/delinquenti sfogano le loro frustazioni contro la gente comune.
A questo punto un mio pensiero va a quel fenomeno del carabiniere che mi ha elevato al contravvenzione e la prossima volta che starà per provare un qualcosa di emozionante, altamente positivo, sarà costretto a passare quegli attimi seduto sul water in preda ad un consistente attacco di diarrea.
Caro caramba, sappi che in quel momento io mi ricorderò di te STRUNZ !!!!!!

E' stato bello

E' stato bello questo we.
Sistemare i mobili appena consegnati
Preparare altra roba da portare nella nostra nuova casa
Riverniciare anche gli ultimi antoni (si è vero ne manca ancora mezzo e una parte di uno che mi sono dimenticato)
Mangiare insieme seduti al tavolo, con delle sedie vere
La doccia nel box, senza allagare il pavimento
La conquista del nostro primo caffè
Ma soprattutto è stato bello svegliarsi nel nostro letto con te al mio fianco
Ti amo tesoro

Pensieri

Stavo salendo in ascensore e mi è capitato di guardare la mia immagine riflessa nello specchio.

Lo sguardo si è posato sui capelli, soprattutto su quelli davanti (frangia per alcuni)

E un pensiero mi è salito dal cuore

RESISTETE !!!!

RESISTETE !!!!

RESISTETE !!!!

devo preoccuparmi?

Clicca per ingrandire

A proposito di clienti insoddisfatti

Servizio al cliente: netto divario tra i livelli di satisfaction percepiti dalle controparti

Secondo una recente indagine condotta su scala internazionale, le aziende europee ed italiane tendono a collocare sempre di più il servizio al cliente in cima alla lista delle priorità, in qualche caso addirittura al di sopra del proprio profitto.
Lo studio, promosso in otto nazioni e pubblicato da EasyNet, rivela che in Italia il 36% del campione intervistato ha indicato il servizio al cliente quale principale priorità di business.
Il profitto si è invece fermato al secondo posto col 20% dei consensi.
Aldilà di queste buone intenzioni e strategie, sono in molti i clienti a dichiararsi non ancora del tutto soddisfatti del trattamento loro riservato. (stanno parlando di telecom/tim?)
Emerge, infatti, dallo studio che esiste un divario tra buone intenzioni e capacità effettive di messa in pratica. “La maggior parte delle aziende oggi risponde alle lamentele con risposte scadenti ed a volte irritanti(si, stanno proprio parlando di telecom/tim!!)– ha commentato i risultati della ricerca l'esperto del settore John Kemp - “Inoltre molte aziende spostano la gestione dei clienti dai canali di comunicazione più costosi come il telefono o l'incontro diretto, verso canali più economici, quali il web, i risponditori automatici oppure i call center, spesso inaffidabili e che finiscono con l'innervosire l'utente finale dei prodotti e servizi”. (ora è certo, parlano di telecom/tim)
Secondo Sergio Barbonetti, amministratore delegato e direttore generale di EasyNet Italia, le aziende che ottengono i migliori risultati nella gestione clientelare sono quelle che pongono l'iter del cliente al centro delle proprie direttive.
Alle considerazioni di Barbonetti si aggiungono quelle di Hugh Wilson (professore di marketing strategico alla Cranfield School of Management) che dichiara: “Le aziende migliori sono quelle che gestiscono internamente il proprio reparto dedicato al servizio clienti e ci pensano due volte di prima di darlo in outsourcing”.
Quello dell'esternalizzazione del servizio clienti è tra l'altro un tema molto caldo che sta, tra l'altro, interessando, in questi giorni, centinaia di lavoratori di alcune multinazionali della telefonia mobile. Recentemente uno studio con finalità molto simili a quello di EasyNet, condotto sempre su scala internazionale da alcuni ricercatori indipendenti, ha portato alla luce come gli amministratori delegati antepongano, a loro volta, al profitto aziendale anche la corretta gestione della loro azienda. Anche in questo caso, il profitto si è posizionato solo secondo nella lista delle priorità, mentre seguendo un filo logico con la prima preoccupazione, la terza priorità emersa dal sondaggio ha riguardato la ricezione e messa in atto delle strategie direttive da parte del management aziendale.
A livello territoriale emerge che in Asia la ricerca di manager qualificati è la prima priorità per i CEO (il 38,6% degli intervistati ha fornito questo riscontro) mentre i colleghi europei e statunitensi collocano tale necessità solamente al sesto posto. Sempre in Asia, gli amministratori delegati focalizzano gran parte delle loro energie ai mercati emergenti di Cina (quarto posto nella lista delle priorità a livello generale) ed India (decimo posto nella lista delle priorità) considerati entrambi come fucine di grandi opportunità di crescita. In Europa e negli Stati Uniti i CEO collocano invece le strategie di espansione verso questi mercati solamente al diciannovesimo e ventesimo posto nella lista delle loro priorità.
I nostri CEO sembrano essere più interessati a creare nuove idee, prodotti e servizi: in sostanza è ancora forte l'esigenza di riconversione e di riposizionamento dell'offerta da parte delle nostre aziende per competere sui mercati internazionali.

http://www.easynet.com

Complimenti alla cuginetta che ha vinto il trofeo peugeot

Incubo 119

Chiamata 1
C: 119
1: (Dopo una musica di attesa a volume assordante stile discoteca) per scoprire le impostazioni del suo telefono prema 3
C: 3
1: Per vedere le impostazioni gprs del suo telefono prema 1
C:1
1: Per parlare con un operatore prema 2
C:2
1: Buonasera sono XXXX come posso aiutarla?
C: Buonasera, dovrei configurare il mio cellulare per la navigazione gprs
1: SI, mi dice il suo numero di telefono?
C: (ma non lo vede il numero da cui chiamo?) si è 334……..
1: Qual è il suo problema???
C: Buonasera, dovrei configurare il mio cellulare per la navigazione gprs!!!!
1: Un attimo che le passo un tecnico
C: (dopo 5 minuti di attesa) Buonasera, dovrei configurare il mio cellulare per la navigazione gprs!!!!
1: SI, un attimo che guardo, allora, in base al suo messaggio di errore, presumibilmente, ecco, allora. Spenga e riaccenda il telefono e vedrà che andrà tutto a posto
C: Uhmmmm
Dopo 5 minuti, dopo aver riavviato il telefono ed avere scoperto che ancora il telefono non funziona.
Chiamata2
Ripetere la lettura del post fino a quando mi mettono in contatto con una signorina
1: Buonasera sono XXXX come posso aiutarla?
C: Buonasera, dovrei configurare il mio cellulare per la navigazione gprs
1: SI, mi dice il suo numero di telefono?
C: (ma non lo avete ancora imparato a memoria?) si è 334……..
1: Ma lei sta chiamando dal telefono che vuole configurare?
C: Si, ho solo questo..
1: Ma non lo può fare, deve chiamare da un altro telefono
C: Ma non è che avete quegli sms auto configuranti e meli inviate così risolviamo il problema?
1: No, aspetti che provo a passarle un tecnico
C: (dopo 5 minuti di attesa) cade la linea
Chiamata 3
Rileggere la chiamata 1 fino a quando mi passano un tecnico
1: Buonasera, come posso aiutarla?
C: Si buonasera, 3, 1, devo configurare il gprs il mio numero è 334…. Chiamo dallo stesso telefono da configurare, è un nokia 5300, navigazione gprs, premere uno per sapere il colore dei miei boxer, se invece vuole un goccio di grappa prema 2
1: Nessun problema, aspetti in linea
C: (Dopo 10 minuti di attesa) metto giù io stavolta, tiè
Chiamata 4
Rileggere le prime righe della chiamata 1, alternarle a propria scelta con le righe dispari della chiamata 2 e 3, dopodiché scandire il proprio nome, toccarsi la punta del naso con la lingua e restare in attesa.
C: Si buonasera, devo configurare il telefono gprs
1: Ma è lo stesso telefono da cui sta chiamando?
C: Si
1: E allora non si può fare
C: Ma io ho solo questo telefono
1: E allora deve andare in un cabina telefonica
C: ©Њθ∆∞≈
C: Ma lei si rende conto che state dando un supporto non soddisfacente?
1: Non è un problema nostro
C: …….
 
Ora, io spero di non dover avere mai più bisogno di tim, come spero di non avere mai più bisogno di nessun altro telefono verde o cose simili.
In ogni caso per risolvere il problema è stato sufficiente scaricare l’ultima versione di nokia pc suite e installarla sul mio pc e da lì tutti i problemi sono spariti.
Vorrei poter concludere questo post in maniera molto più ironica, ma al solo rivivere la vicenda mi è tornato il nervoso, vado a fumarmi una sigaretta che è meglio

Forse è il caso di andare dall'ottico

Mi girano le palle

Come possa un vigile urbano, un dipendente pagato da noi, al nostro servizio, a tutela della nostra sicurezza.
Come possa un individuo tale mettersi a modificare il tempo di attesa del giallo ai semafori, questo proprio non me lo spiego.
Quale subdola ragione lo spinga a fare un azione simile è proprio una cosa che non riesco a capire.
Forse è una persona subdola, che da bambino si divertiva a maltrattare gli insetti e che adesso può applicare i suoi sadismi anche agli esseri umani, accrescendo il suo divertimento.
Forse è un frustrato che subisce angherie da tutte le persone che conosce e che vede in queste azioni l’unico modo che ha a disposizione per vendicarsi sul mondo intero.
O forse è solo un morto di fame, che fatica ad arrivare a fine mese e che con questo sistema ha trovato il modo, in accordo con le ditte che gestiscono gli apparati per le multe, per arrotondare lo stipendio.
In ogni caso trovo molto ingiusto che a farne le spese siamo sempre noi cittadini comuni, trovo ingiusto che le amministrazioni comunali stipulino contratti a percentuale sul numero di multe emesse con le ditte che gestiscono questi sistemi di “vigilanza” e trovo anche ingiusto che lo stato si accorga di queste cose solo quando i cittadini non ne possono più e si mettono a protestare.
A questa stregua il mondo volge a favore dei furbi e degli anarchici e quasi quasi sto pensando di chiedere la cittadinanza svizzera, non che la stiano molto meglio, ma almeno ho il cioccolato e gli orologi a buon prezzo.

Storie di straordinario culo

Una ragazza croata di 27 anni e' stata ricoverata in ospedale dopo essere stata colpita da un fulmine mentre si lavava i denti nel bagno della sua abitazione.
Se nel caso di Ante Djindjic, di Zagabria, il fulmine e' passato attraverso il pene (http://www.jacopofo.com/node/3601), nel corpo della ragazza la saetta si sarebbe scaricata a terra uscendo dal fondoschiena. I medici hanno trovato ustioni proprio li'.
Non potra' scoreggiare per 24 settimane ma se la cavera'

Liberamente tratto da http://www.jacopofo.com/node/3694

BUON ONOMASTICO AMORE

Tu cosa avresti fatto?

Stai viaggiando tranquillamente in superstrada ad una velocità che varia tra i 120 e i 130 km/h dove il limite è di 110, cercando di rimanere entro un limite che, se non ti elimina del tutto il rischio di perdita dei punti sulla patente, almeno di consente di non vederti sospendere la stessa per un periodo che va dai 15 ai 30 giorni.
Non hai avuto una mattinata esilarante e stai pensando tranquillamente ai cazzi tuoi quando improvvisamente nel tuo specchietto retrovisore compare la sagoma di una Subaru impreza bianca.
La macchina si fa molto vicina al posteriore della tua auto e ripete la cosa due o tre volte, senza azionare gli abbaglianti.
Hai due possibilità:
O ti fai da parte per lasciarla passare, maledicendo la sua prepotenza e invidiandogli un po’ la quantità di cavalli vapore che ha a disposizione.
Oppure scali di due marce, preghi affinché le tue gomme ormai straconsumate reggano ancora un po, e inizi una gara tra le gallerie e le curve per dimostrare che non servono solo i cavalli, ma che bisogna anche essere in grado di domarli per poter essere un vero pilota.[[SPEZZA]]
Quello che non sai è che quella macchina è guidata da un agente di polizia e che è dotata di una videocamera che in quel preciso momento sta rilevando la tua velocità e contemporaneamente sta filmando tutto l’evolversi dell’azione.

Carissimi gestori di bloggers (ora blogdrops)

Carissimi gestori di bloggers
È con vero rammarico che mi trovo a scrivervi questa lettera.
Sono passati quasi due anni da quando una mattina, provai timidamente ad abbozzare il primo post.
Momenti di trepidazione, ansia, sentire subito il parere degli amici
Poi le varie prove per personalizzare il blog, per sentirlo sempre più mio e nel frattempo tante nuove conoscenze e amicizie che nascono, confronti, suggerimenti.
E quello che era partito come un gioco alla fine è diventato un appuntamento giornaliero al quale non so più rinunciare.
Dovrei esservi grato, perché attraverso le vostre pagine ho incontrato l’amore, e credo che per questo vi sarò riconoscente per molto tempo.
Ma ultimamente sta maturando in me l’idea di cambiare piattaforma
Non perché il programma di gestione del blog lasci a desiderare, non perché abbia qualcosa da ridire sul modo di proporre il blog o perché abbia avuto da ridire con qualcuno.
No
La mia idea di cambiare è semplicemente dettata dal fatto che le vostre linee internet fanno veramente cagare!!!
3 volte su 5 il blog non è disponibile, e questo è, almeno per me, un grosso problema
Quindi, cari amici, vi invito a voler fare qualcosa per migliorare la situazione perché in caso negativo temo proprio che non potrò fare a meno di seguire l’esempio di molti  che hanno già cambiato piattaforma, o di unirmi a coloro che ne stanno valutando l’ipotesi
Mi spiacerebbe, perché quest’avventura è cominciata con voi e con voi vorrei continuarla, ma la qualità della vostra connessione sembra proprio non dare altre possibilità.
Non è un addio, almeno per ora, ma una sonora tirata di orecchie; dai datevi da fare, rimboccatevi le maniche e dateci un servizio migliore.

Comunismo o dittatura?

Cina, la web-dipendenza fa una vittima
Uomo muore dopo 3 giorni di giochi online
PECHINO - Se internet diventa una droga, di internet si può morire. In Cina la web-dipendenza è ormai una malattia sociale. La prima vittima è un giovane di 30 anni, stroncato da una maratona di tre giorni di giochi online, in un cybercafè di Guangzhou, nella parte meridionale del Paese. A riportare la notizia sono stati i giornali locali, che hanno indicato come probabile causa della morte proprio l'eccessiva esposizione davanti al computer.

L'uomo si è sentito male sabato scorso, dopo aver passato 72 ore consecutive on line. Trasportato in ospedale, non è riuscito a superare la crisi. I medici hanno confermato che il troppo tempo trascorso su internet potrebbe avergli causato problemi cardiaci. Al momento non si conosce ancora quale sia il gioco che ha tenuto il giovane incollato allo schermo.

Attualmente, gli internauti in Cina sono circa 163 milioni. La web-dipendenza, diffusa soprattutto tra i ragazzi, è una delle maggiori preoccupazioni del governo, che ha cercato di correre ai ripari con una serie di provvedimenti ad hoc. L'apertura di nuovi internet cafè è stata vietata e sono stati imposti limiti di tempo ai giochi online. Sono sorti addirittura veri e propri centri di disintossicazione per aiutare i "drogati della Rete" a liberarsi dalla propria dipendenza.

Ad aprile il presidente Hu Jintao ha lanciato una campagna per la "purificazione" della Rete. Lo scopo ufficiale era quello di eliminare i contenuti immorali che circolano sul web. Tuttavia, oltre al materiale pornografico online, sono stati "ripuliti" anche i siti politicamente scomodi, vale a dire quelli che non diffondono i valori del Partito comunista.
Ora io mi chiedo come mai, in un paese di maniaci quali sono gli Stati Uniti non si sia mai verificata una cosa simile.
Sono gli americani che ci tengono nascoste queste cose o è la Cina che sta cercando di presentare
internet come uno strumento di distruzione piuttosto che come sistema di diffusione delle informazioni?
Siamo sicuri che in Cina ci sia veramente il comunismo?

Perchè Mauro Corona

Ho letto parecchi libri di Mauro Corona e ho anche fantasticato di partire in moto e di andarlo a trovare al suo paesello.
A chi mi chiede il perché della mia passione per questo scrittore, scultore, alpinista non so dare una risposta precisa; diciamo che la particolarità del personaggio, il modo e gli argomenti di cui tratta nei suoi libri, mi ricordano molto il mio paese di origine.
Certi personaggi tipici e storici, certe macchiette che sono diventate parte della cultura paesana, certi ambienti e paesaggi, certi modi di fare e la schiettezza nell’esporre le cose mi riportano alle mie montagne, che per quelli che non sono cresciuti qui possono dare un senso di soffocamento, ma che per me rappresentano un grande abbraccio rassicurante.
E per farvi conoscere meglio il personaggio vi propongo un intervista con Daria Bignardi, mi spiace solo che sia stata tagliata la scena in cui, dopo che la Daria gli ha offerto la birra, lui comincia a bere e poi si gira e sputa per terra perché dice che c’era qualcosa nel suo bicchiere.

 

237 buone (e cattive) ragioni per fare sesso

Pare che fino a oggi gli scienziati credessero che le ragioni per cui facciamo sesso fossero poche e sempre le stesse. In due parole? Piacere, desiderio. C'è voluta una ricerca dell'Università del Texas per dimostrare che le cose non sono poi così semplici, e che a spingere uomini e donne verso il sesso ci sono un'infinità di motivi.
Perché facciamo sesso? Le prime risposte sono quasi scontate: per fare figli, per amore, per "voglia". Non necessariamente in questo ordine (e non solo queste, d'accordo), ma che sorpresa scoprire che di motivi, invece, ce ne sono per davvero tanti e tanti di più. È questo il risultato di una ricerca condotta da David Buss e Cindy Meston (professori di psicologia dell'Università del Texas), che hanno isolato ben 237 motivi, [[SPEZZA]]per giunta arrivando a questo numero dopo un lavoro di accurata scrematura.
 
5 buoni motivi per lui e 5 per lei
Duecentotrentasette ragioni ci sono sembrate troppe da proporre qui in versione integrale (se vi interessano c'è il pdf). Abbiamo preferito le classiche "top 5" per lui e per lei. Le due mini classifiche si assomigliano, tranne che per un paio di "dettagli", per così dire: le donne al quinto posto mettono l'amore per il partner, mentre per gli uomini, secondo la ricerca, lo stesso motivo si classifica ottavo. Altra differenza: all'ottavo posto della classifica femminile c'è "faccio sesso perché è divertente", che per gli uomini invece merita un deciso quarto posto. «Gli uomini», affermano nella loro relazione David Buss e Cindy Meston, «mostrano una decisa tendenza a collegare il sesso a motivazioni di carattere fisico ("ha un bel corpo", "è troppo sexy") o semplicemente a un'opportunità ("era disponibile", "aveva alzato il gomito e ne ho approfittato").
Superano le donne nella maggior parte della domande pertinenti al piacere ("volevo un orgasmo"), e più delle donne guardano ai rapporti sessuali come a un modo per migliorare il proprio status ("la reputazione", "la bella figura con gli amici"). Mentre per le donne sono più frequenti risposte come "volevo sentirmi donna", "volevo esprimere il mio amore" e "ho capito di essere innamorata".»
Sesso: il collante della personalità
Secondo la psicologia moderna il desiderio sessuale è infatti una componente individuale che nasce da un'alchimia unica in ogni individuo, costituita da un mix di elementi diversi: biologici, psichici, legati all'educazione, al contesto sociale e alle dinamiche specifiche della coppia. Per gli psicologi il sesso è innanzi tutto un ottimo collante che tiene unite psiche e fisicità. «La sessualità», sottolinea Marinella Cozzolino, sessuologa e presidente dell'Associazione Italiana di Sessuologia Clinica, «è l'elemento di unione maggiore tra mente e corpo. In campo sessuale i bisogni psicologici sono imprescindibili da quelli fisici e viceversa.»

Ogni momento... non è quello giusto
Non c'è da stupirsi quindi che il desiderio sessuale, anche nello stesso individuo, possa variare nell'arco degli anni. «Il desiderio è una componente variabile che segue il ciclo della vita e della relazione di coppia. Le sue variazioni sono a volte ampie, ma sono auspicabili e rappresentano il lato umano della sessualità», spiega Stefano Clerici. «Ci sono momenti come la gravidanza o l'allattamento, o altri periodi stressanti, che possono condizionare pesantemente il desiderio sessuale. L'errore in questo caso è quello di ritenere che il partner non sia più uno stimolo sessuale adeguato. Spesso è proprio il partner che, constatato il calo del desiderio dell'altro, entra in crisi generando un cortocircuito all'interno della coppia. E più si cerca di stimolare il desiderio sessuale più questo tende a spegnersi del tutto.»
Situazioni eccitanti
Ma ci sono anche casi in cui il desiderio emerge inaspettatamente. Prendiamo un esempio limite: un uomo e una donna chche non si sono mai conosciuti prima si trovano soli su un'isola deserta. È probabile che prima o poi i due finiscano col desiderarsi sessualmente. «Ma cosa li induce a desiderarsi», si chiede Clerici, «il livello degli ormoni sessuali o alcuni aspetti relativi alla conoscenza e all'intimità in cui sono costretti a vivere? La risposta che oggi riteniamo più verosimile è... "entrambi!"» Una cosa però è certa: se venissero salvati e tornassero ad avere a che fare con altri uomini e con altre donne, smetterebbero di desiderarsi. Il desiderio infatti percorre spesso strade complesse, legate al contesto e al momento specifico. In fondo qualcosa di simile accade frequentemente con le "cotte estive": ritornati alla routine della città, il vicino o la vicina di ombrellone non è più capace di suscitare in noi la stessa attrazione dei giorni passati al mare.
 
Uomini vogliosi e donne innamorate?
Ma se le pulsioni che ci spingono a fare sesso variano nel corso delle fasi della nostra vita, ancora più evidenti sono le differenze tra maschi e femmine. Del resto, alcune delle conclusioni a cui sono giunti Meston e Buss le hanno confermate: «i maschi», secondo i ricercatori texani, «tendono a entrare in azione spinti da cause fisiche, mentre le donne sono più sensibili alle emozioni che provano». Luoghi comuni a parte, è vero che maschi e femmine hanno esigenze sessuali diverse, motivate da differenze biologiche? «Gli uomini hanno un substrato biologico», afferma Clerici, «che conferisce loro una spinta sessuale spesso più vigorosa e impellente. Alti livelli di testosterone danno origine a una maggiore reattività, soprattutto agli stimoli visivi. È per questo che la risposta sessuale maschile è tendenzialmente più rapida di quella femminile». Al contrario, l'eccitazione sessuale femminile - che tra l'altro è vincolata all'alternanza ormonale a cui è sottoposta nell'arco di un ciclo mestruale - è più mediata da fattori relazionali, di coppia. La donna infatti è culturalmente abituata a fare i conti col fatto che la sessualità è legata alla riproduzione e, quindi, alla possibilità di instaurare una relazione stabile e duratura. Ma la mente è complessa, e se spesso questa necessità prende la strada più "ovvia" della ricerca di un uomo sicuro e dedito, in altri casi la può portare a una paradossale attrazione verso persone o situazioni instabili e pericolose. Insomma, impossibile trovare una regola valida sempre e comunque.

Perché i nostri nonni facevano sesso
Se molte delle 237 motivazioni che i ricercatori hanno individuato sono comprensibili a chi è "di questo mondo", è però vero che nel corso della storia le ragioni che spingono uomini e donne a fare l'amore sono cambiate notevolmente. Nel secolo scorso, ad esempio, la sessualità era strettamente legata alla riproduzione: le famiglie erano numerose perché la cultura prevalentemente agricola richiedeva "braccia" (maschili) per il lavoro. Se già con il secondo dopoguerra il maggior benessere ha comportato una diminuzione della natalità, il vero cambiamento è avvenuto però con la seconda metà degli anni '60 grazie a due eventi: l'avvento del femminismo e della pillola anticoncezionale. Che, insieme, hanno contribuito a liberare la sessualità dalla procreazione affermando il lato relazionale, romantico, affettivo e di piacere. Se dunque per gli uomini il sesso come pura ricerca di soddisfazione fisica è sempre stato accettato (non per nulla la prostituzione femminile è sempre indicata come il "mestiere più antico del mondo"), per le donne il piacere del sesso è una scoperta storicamente recente con cui i maschi hanno dovuto confrontarsi.
 
Un confronto non semplice
«Le donne», afferma Clerici, «hanno fisiologicamente tempi e modi diversi da quelli maschili. Molti uomini hanno imparato a rispettare il desiderio della propria partner e le prerogative fisiche e psichiche femminili senza perdere per strada la propria modalità. Altri invece si sono persi in questo percorso attanagliati dalle ansie e dal senso di inadeguatezza.» Non stupisce quindi che negli ultimi anni sempre più maschi si rivolgano all'andrologo o al sessuologo in preda ad ansie - spesso ingiustificate - che sono espressione del loro senso di inadeguatezza. Talvolta l'ansia da prestazione «si concretizza nella necessità di essere "il più bravo"», afferma Marinella Cozzolino, «e di sostenere il confronto con precedenti partner». Anche questo aspetto è legato alla maggiore emancipazione femminile: le donne, che rispetto a un tempo cambiano più partner, hanno più possibilità di fare confronti. E molti maschi, non preparati a questi cambiamenti, ne soffrono.
5 buoni motivi per lui e 5 per lei
Duecentotrentasette ragioni ci sono sembrate troppe da proporre qui in versione completa. Abbiamo preferito le classiche "top 5" per lui e per lei. Le due mini classifiche si assomigliano, tranne che per un paio di "dettagli".
La top five delle buone ragioni
Per gli uomini
1. attrazione
2. è bello farlo
3. puro piacere fisico
4. è divertente
5. affetto
Per le donne
1. attrazione
2. puro piacere fisico
3. è bello farlo
4. affetto
5. amore
Queste sono invece le principali differenze, in una top 5 "unisex"
1. indossava un vestito provocante
2. volevo sentirmi "uomo"
3. volevo svuotare i testicoli
4. volevo sentirmi "donna"
5. aveva un bel corpo
E infine i motivi più insoliti. E più rari, fortunatamente
Per lui
1. mi ha offerto delle droghe
2. volevo trasmettere una malattia sessuale
3. volevo punirmi
4. volevo porre fine alla mia relazione
5. per noia
Per lei
1. volevo trasmettere una malattia sessuale
2. per soldi
3. per ottenere un aumento
4. per essere ammessa nel gruppo (iniziazione)
5. per noia
.
.
.
Per visualizzare l'intero articolo potete andare su :

Primo giorno di scuola

Un uomo bussa alla porta del figlio. «Jaime» gli dice, «svegliati!».

Jaime risponde: «Non voglio alzarmi, papà».

Il padre alza la voce: «Alzati, devi andare a scuola».

Jaime dice: «Non voglio andare a scuola».

«Perché no?» chiede il padre.

«Per tre motivi», dice Jaime. «Primo, perché è brutto; secondo, perché i bambini mi prendono in giro; e terzo, odio la scuola».

Allora il padre gli dice: «Bene, adesso ti do io tre buoni motivi per andarci. Primo, perché é il tuo dovere; secondo, perché hai quarantacinque anni, e, terzo, perché sei il preside».

La soluzione ai problemi economici degli italiani

Non mi ricordo più quale ministro o porcheria simile abbia detto che gli italiani evadono anualmente circa 100 miliardi di euro all’anno di tasse.
Da un'altra parte qualcuno ha affermato che la prostituzione muove almeno 90 milioni di euro al mese.
Se allora prendessimo quei soldi e facessimo in modo che venissero indirizzati allo stato, anziché finire nelle mani della malavita, credo che potremmo risolvere una parte dei problemi.
Come dite? La chiesa non sarebbe d’accordo?
A quanto ricordo mi pare che la chiesa non paghi le tasse sugli immobili, e mi pare che non paghi nemmeno le altre.
E allora che diritto ha di pronunciarsi su queste cose?????
 

Meme

01- CHE ORA È?
Diciamo le 17.18 e avrei voluto essere a casa da almeno 12 ore
02- NOME?
Giulio
03- COMPLEANNO:
12 Febbraio
04- SEGNO ZODIACALE :
Acquario ascendente vergine
05- TATUAGGI:
Due, un sole luna sulla spalla destra e un tribale sulla sinistra.     
06- PIERCING:
Nessuno, non sopporto l’idea di bucare il mio corpo.
07- SEI INNAMORATO/A?: 
Come non lo sono mai stato.
08- TI PIACI INTERIORMENTE? 
A giorni alterni, ma nel complesso mi ritengo una bella persona.
09- HAI GIA' AMATO AL PUNTO DI PIANGERE PER QUALCUNO?
Non riesco ad esprimere il dolore attraverso le lacrime.
10- HAI MAI FATTO UN INCIDENTE CON LA MACCHINA?
Circa una decina in macchina (di uno degli ultimi si può vedere la foto nella sezione donne e motori del mio blog) e altrettanti in moto.
11- HAI MAI AVUTO UNA FRATTURA?
4 dita, due vertebre, un gomito, i legamenti del ginocchio destro e un po di punti sparsi ovunque
12- PEPSI O COCA-COLA?
Coca-cola, sempre e solo Coca
13- WHISKY O VODKA ?
Whisky,vodka e rum.
14- TI FIDI DEI TUOI AMICI?
Mi fido del mio amico.
15- COLORE PREFERITO PER L'INTIMO?
Preferisco le tinte unite, nero, blu o grigio.
16- NUMERO PREFERITO:
5. Era il mio numero nell’elenco alfabetico a scuola. 
17- TIPO DI MUSICA PREFERITA:
Rock, R&B e molto altro, basta che sia buona.
18- DOCCIA O BAGNO?
Doccia, ho una vasca talmente piccola che se riesco ad entrarci mi assumono come contorsionista al circo Togni.
19- COSA ODI?
La falsità e gli approfittatori e quelli che se la prendono con i più deboli.
20- COME TI VEDI NEL FUTURO?
A casa felice con la mia nuova famiglia
21- DA CHI HAI RICEVUTO QUESTO TEST ? 
Da mia moglie
22- QUALE DEI TUOI AMICI VIVE PIU' LONTANO?
La Dom che vive a Gallipoli, anche se adesso si è trasferita a Roma, rimane comunque la più lontana
23- COSA APPREZZI DI PIU' IN UN AMICO ? 
La sincerità.
24- CHI E' IL PIÙ LENTO?
Il mio collega Alessandro, ha la reattività di un bradipo appena sveglio
25- COSA CAMBIERESTI NELLA TUA VITA?
Il reddito mensile, la macchina e la moto.
26- SEI FELICE? 
Dal 1° Aprile di quest’anno sono felice ogni giorno
27- PROVERBIO PREFERITO? 
“Tira più un pelo di c... che una vetrina di saldi".
28- LIBRO PREFERITO?
"Narciso e Boccadoro " di Herman Hesse.
29- DI COSA HAI PAURA?
Della violenza.
30- LA PRIMA COSA A CUI PENSI QUANDO TI SVEGLI? 
Ancora dieci minuti pleeeeaaaaseeee.
31- IL TUO FILM PREFERITO:
la leggenda del re pescatore.
32- SE POTESSI ESSERE QUALCUN ALTRO CHI SARESTI?
Jimmy Hendrix
33- COSA C'È APPESO AL MURO DELLA TUA CAMERA?
Due cravatte di dolce & Gabbana
34- COSA C'E SOTTO IL TUO LETTO?
Sicuramente polvere, e poi forse qualche calzino o dei boxer
35- DOVE TI PIACEREBBE ANDARE?
Irlanda e Jamaica
36- CHI NON RISPONDERÀ DI SICURO?
Non risponderà nessuno perché sono contrario alle catene e quindi non coinvolgerò altre persone.
37- E CHI SEI SICURO RISPONDERÀ?
Vedi sopra.
38- DI CHI VORRESTI LEGGERE LA RISPOSTA?
Quella di mia moglie la sto leggendo adesso. 
39- PROFUMO PREFERITO?
Amor amor sulla pelle di Dany.
40- SPORT PREFERITO?
Snowboard. 
41- TIMIDO O ESTROVERSO? 
Timidamente estroverso.
42- MARE O MONTAGNA?
Montagna.
43- HAI PAURA DELLA MORTE? 
Se accetti la vita accetti anche la morte.
44- A CHE ORA VAI A LETTO DI SOLITO?
Appena finisco di chattare col mio amore.
45- COSA VUOI DIRE ALLA GENTE CHE LEGGERÀ QUESTO TEST ?
Se siete arrivati fin qui allora non avevate davvero nulla di meglio da fare.
E io ho perso ben 28 minuti per compilare questa cosa, adesso chi lo dice ai miei capi???

A grande richiesta, un po di foto delle ferie

Vacanze finite, si torna al lavoro

Certo non dico di essere come i tipi di costa crociere, che continuano a piangere anche alla cassa del supermercato, ma di certo già comincio a guardare con nostalgia le foto delle vacanze appena finite.
Già mi rendo conto a malapena di aggirarmi per i corridoi della ditta urlando "Cocco fresco", "Mandorle fresche", non vedo l'ora che arrivino le sedici per sfidare qualcuno a racchettoni, stamattina già pregustavo il sapore dei panini con le olive verdi e invece mi sono dovuto accontentare di una tortina del mulino bianco.
Alle undici e trenta ero pronto per farmi una bella birra fresca di frigo, e invece... solo acqua
Ma la cosa più triste è statto svegliarmi senza avere al mio fianco lei, lei che sapeva svegliarmi con un sorriso, lei che con i suoi occhi dolci portava il sole anche in una giornata di cielo coperto (anche se a dire la verità non ne abbiamo beccata nemmeno una).
Sono stati 20 giorni stupendi, allegri, fantastici
Grazie tesoro mio.
Ps In allegato fotografia di nostro coinquilino ribattezzato Ettore, che ci ha fatto compagnia per alcuni giorni nella nostra dimora.

Chiuso per ferie

Ho comprato questo

Matteo Principe ha 30 anni e produce Fuffa™, tutti i giorni. Cos’è la Fuffa™? La pomposa patina di falsità, apparenze e bugie che anima le giornate di un giovane in carriera che lavora nel marketing di una multinazionale e vive da solo in un quartiere chic di Roma, navigando a vista tra i posti giusti della città. Fuffa™ è una vita parallela che assomiglia molto a un videogioco, un vero e proprio videogame a schemi, con punteggi e difficoltà sempre maggiori. Tra allucinazioni e verità, tra donne conquistate e in fuga, tra amici da supportare e sopportare e nemici da eliminare, Matteo è un perfetto giovane uomo dei suoi tempi alla ricerca spasmodica di una felicità che gli sfugge. Sullo sfondo di una metropoli italiana che non gli lascia scampo, lui e i suoi amici (un consulente surfista frustrato e malinconico e un mancato direttore d’orchestra dalla sessualità esuberante) sono le schegge incontrollabili e taglienti di un romanzo divertente, feroce e ironico, ritratto di una generazione disillusa ma capace di ribellarsi agli schemi prevedibili e costruiti da anni di cattive abitudini e pessimi maestri.

 «Sono le 9.48 e tutto è ormai deciso.
I miei biglietti per Miami.
Due plumcake al cioccolato.
Un caffè lungo zuccherato e
i piatti sporchi di due giorni ancora da lavare.
Mi chiamo Matteo Principe.
Faccio marketing in
una multinazionale.
Suono la chitarra.
Ho il fuso orario della musica e una ex fidanzata
che continua a logorarmi. 
Produco FUFFA™.
Tutto il giorno.
Tutti i giorni.
Vorrei essere nato
al contrario per riuscire a
capire questo mondo storto.»

Lettura per le vacanze

OK gente, mi sto preparando per le ferie e devo comperare un po di libri da portarmi dietro.

Qualcuno di voi ha qualche libro da consigliare?

Avanti, fatevi sotto. Venghino siori e siore.

 

Varie ed eventuali

La Durex, una delle piu' importanti case produttrici di preservativi, cerca 200 volontari per testare un nuovo prodotto.
Se non avete ancora programmato le vacanze...

Berlusconi si difende dall'accusa di turpiloquio (le "stronzate" di Prodi): parlava a giovani, ha usato un linguaggio giovanile.
Ieri è stato visto appendere un lucchetto dell'amore.

Laureto, periferia di Francavilla Fontana, Brindisi: tentano il furto di un camion dei Monopoli di Stato carico di sigarette. Non li avrebbero mai presi se il mezzo non si fosse guastato durante la fuga.
I carabinieri si sarebbero travestiti da carroattrezzi.

Non sarà un po troppo tardi?

Mamma di 81 anni punisce il figlio 61enne
Niente più chiavi di casa né paghetta


CATANIA - Dopo l'ennesimo litigio sull'orario di rientro a casa, la madre esasperata non ce l'ha fatta più e ha tolto al figlio le chiavi di casa e la paghetta. Punizione "esemplare", per più di un motivo. Infatti la genitrice ha 81 anni e il "pargolo" riottoso 61. La donna, pensionata, vive da sempre con il figlio, che è disoccupato, celibe, e non ha nessuna intenzione di lasciare la casa di mammà.

E' stata proprio lei, come riferisce l'edizione di Catania del quotidiano La Sicilia, a rivolgersi alla polizia di Caltagirone per cercare di "convincere quel testone" di suo figlio a "comportarsi bene con la sua mamma". Pronta la replica di lui: "Si comporta male, mi dà una paghetta settimanale insufficiente, non sa cucinare bene". Un agente del commissariato ha fatto da paciere e dopo avere raccolto gli sfoghi dei due li ha convinti a riprovare a vivere insieme in armonia.

"Mio figlio non mi rispetta - si è sfogata la donna con la polizia, dopo avere lasciato il figlio fuori di casa - non mi dice dove va la sera, e torna tardi a casa. Per punirlo sono stata costretta a togliergli le chiavi di casa e lasciarlo fuori, dopo che aveva fatto ancora una volta le ore piccole. Non è mai contento dei cibi che gli preparo e ha sempre un motivo per lamentarsi. Così non si può andare avanti...".

"La colpa non è mia - è stata la replica del figlio - è lei che si ostina a trattarmi male: mi dà una paghetta settimanale troppo modesta, e a me che sono disoccupato quei soldi non bastano. E, poi, cucina veramente male...".

L'intervento dell'agente di polizia ha smorzato i toni dello scontro e madre e figlio sono tornati a casa insieme, con tanto di chiavi e paghetta per lui.

Fonte: La Republica.it (2 agosto 2007)
 

Noi due

Alle volte le parole non rendono abbastanza l'idea di quanto vorresti esprimere.

E allora approfittiamo di questa canzone

Prendi la mia mano

E passeggia con me su questa spiaggia

 

a te

A te che sai sopportare i miei momenti no e le mie paure

A te che ridi della mia sbadataggine

A te che sai regalarmi un sorriso anche nei momenti più tristi

A te che ogni giorno porti una raggio di sole nel mio cuore

 

Ti amo Dany

 

Roy Paci & Aretuska - Suonoglobal

Da tempo stavo osservando questo gruppo , ma fino ad ora non mi ero avvicinato più di tanto al loro lavoro. Vuoi per pigrizia, vuoi per il poco tempo a disposizione, vuoi perché ultimamente acquistare cd diventa sempre più oneroso.
Ma devo dire che questo album vale tutti gli euri spesi per acquistarlo, per non parlare poi delle numerosi collaborazioni che compaiono in questo disco (Manu Chao, Cor Veleno, Negrita e Caparezza, solo per citarne alcuni)
L’ascolto è piacevole e tutto l’album trasmette un’atmosfera estiva che vi farà perdere tra ritmi sudamericani,  sonorità reggae e molto altro.
Che dire, prendetemi sulla fiducia, ed andate a comprarlo (in alternativa c’è sempre il mulo….)
Consigliato per una festa in spiaggia

Prince - finalmente un nuovo album?

E’ sempre il solito Prince? Non lo so, di certo alcune sonorità sono simili ad alcuni album precedenti.
Ma non è per niente facile reinventarsi ogni volta e poi certe sue performance alla chitarra ti lasciano ancora senza fiato e ti strappano un sorriso, perché se pensi che a 11 anni lui sapeva già suonare 21 strumenti, mentre tu alla soglia dei 40 sei rimasto ancora al campanello, allora ti rendi conto che qualcosa di geniale ce l’ha e qualche asso dalla manica riesce ancora ad estrarlo.
Certo questo album è privo di contenuti multimediali, in copertina non ci sono nemmeno i titoli delle canzoni o dell’intero album, e all’interno non trovi nessun opuscolo o altro; ma chi segue Prince sa che lui è un tipo particolare, a cui piace distinguersi, e accetti queste sue particolarità.
Di certo non brilla per l’originalità dei brani e gli manca un po di quella freschezza che lo contraddistingueva o la forza di coinvolgimento che avevano molti suoi album, ma se amate Prince anche questo cd non può mancare nella vostra collezione.

Ma tu, di che rivista sei ?

Un po per influenze della famiglia, un po per le amicizie, un po anche per il posto in cui viviamo; ma credo che tutti in qualche modo ci avviciniamo in maniera diversa alle riviste che immancabilmente popolano i nostri comodini, divani, tavoli, bagni, ecc (ognuno legge dove e come può)
Io puntualmente passo dal mio edicolante di fiducia a ritirare le mie copie del rolling stone e di lupo alberto, a volte divago anche su altri generi tipo focus o riviste che parlano di tatuaggi; sempre più spesso evito le riviste che parlano di computer perché onestamente incomincio ad averne un po la nausea.
E fra le mie memorie spunta la fantastica rivista “Animal comic www.cavezzali.com/heyrock.htm" che era per me un fantastico appuntamento mensile nel quale incontravo alcuni dei miei fumettisti preferiti (Cavezzali, Talarico e molti altri); purtroppo però temo che quella rivista la leggessi solo io perché dopo i primi 8 numeri cessarono le pubblicazioni e io me ne rimasi a becco asciutto, senza niente di alternativo a rimpiazzare quel vuoto.
Credo che in Italia ci siano comunque molte altre riviste degne di nota, ma che per svariati motivi esse non vengano pubblicizzate nella giusta maniera; e allora mi chiedevo: “Ma voi, che riviste leggete?”

Guidi ubriaco? Ti sequestro la macchina

Come sempre lo stato italiano non riesce ad avere mezze misure o soluzioni degne di nota  per limitare l’elevato numero di incidenti mortali che ogni anno si verificano sulle nostre strade.
Certo gli ultimi casi di questi giorni suscitano molto scalpore e sollevano il tumulto delle masse pronte ad iniziare una nuova crociata contro l’automobilista drogato e ubriacone.
La soluzione sino ad ora proposta mi sembra quella che in ogni caso vada sempre di più verso a discapito delle persone meno abbienti, salvaguardando chi i soldi li ha e continuerà a fottersene delle leggi italiane.
Credo infatti che sequestrare il mezzo ad una persona sia la cosa più stupida che ci sia, così come alzare l’ammontare delle multe.
Quelli che avranno pochi soldi si ritroveranno con parecchi problemi, sia ad arrivare a fine mese, che ad andare a lavorare.
Quelli con i soldi continueranno a fregarsene e si prenderanno un altro mezzo
Secondo me sarebbe più che sufficiente piombare la macchina in maniera tale che non possano andare a più di 40 km/h ed eventualmente diventare più rigidi in caso di manomissione della taratura o di persone che fanno i furbi.
Non trovo per niente giusta questa politica del nostro governo che più che pensare al nostro bene cerca in tutti i modi di trovare nuovi sistemi per rimpinguare le proprie casse.

Ivano Fossati - La costruzione di un amore

La costruzione di un amore
spezza le vene delle mani
mescola il sangue col sudore
se te ne rimane

La costruzione di un amore
non ripaga del dolore
è come un altare di sabbia
in riva al mare

La costruzione del mio amore
mi piace guardarla salire
come un grattacielo di cento piani
o come un girasole

ed io ci metto l'esperienza
come su un albero di Natale
come un regalo ad una sposa
un qualcosa che sta lí
e che non fa male

E ad ogni piano c'è un sorriso
per ogni inverno da passare
ad ogni piano un Paradiso
da consumare

dietro una porta un po' d'amore
per quando non ci sarà tempo di fare l'amore
per quando vorrai buttare via
la mia sola fotografia

E intanto guardo questo amore
che si fa più vicino al cielo
come se dopo tanto amore
bastasse ancora il cielo

e sono qui
e mi meraviglia
tanto da mordermi le braccia,
ma no, son proprio io
lo specchio ha la mia faccia

sono io che guardo questo amore
che si fa più vicino al cielo
come se dopo l'orizzonte
ci fosse ancora cielo

e tutto ciò mi meraviglia
tanto che se finisse adesso
lo so io chiederei
che mi crollasse addosso

E la fortuna di un amore
come lo so che può cambiare
dopo si dice l'ho fatto per fare
ma era per non morire

si dice che bello tornare alla vita
che mi era sembrata finita
che bello tornare a vedere
e quel che è peggio è che è tutto vero
perché

La costruzione di un amore
spezza le vene delle mani
mescola il sangue col sudore
se te ne rimane

la costruzione di un amore
non ripaga del dolore
è come un altare di sabbia
in riva al mare

E intanto guardo questo amore
che si fa più vicino al cielo
come se dopo tanto amore
bastasse ancora il cielo

e sono qui
e mi meraviglia
tanto da mordermi le braccia,
ma no, son proprio io
lo specchio ha la mia faccia

sono io che guardo questo amore
che si fa grande come il cielo
come se dopo l'orizzonte
ci fosse ancora cielo

e tutto ciò mi meraviglia
tanto che se finisse adesso
lo so io chiederei
che mi crollasse addosso

Un piccolo aiuto per un amico caro

Ho un amico caro che sta avendo qualche problema e sinceramente non so proprio come e in che modo aiutarlo.
Purtroppo è sottoposto a ritmi di lavoro estenuanti e lo stress lo sta tormentando, ultimamente è diventato irascibile e si intromette sempre nei discorsi degli altri con il solo scopo di scatenare risse, soprattutto al bar.
Ma la cosa più preoccupante è che continua a vedere cose strane dappertutto.
Se va al bar e chiede una birra lui subito vede una determinata marca di birra.
Se per caso è fermo ad un semaforo e vede passare un furgone, subito gli viene in mente quella birra  
Se vede una torre in un centro storico, a lui immediatamente, e non so per quale strano motivo, viene in mente sempre quella marca di birra
Se deve andare in giro per la città e deve prendere la metropolitana, dopo che ha fatto il biglietto si ferma ed inizia a guardarlo con una faccia strana
Ragazzi, aiutatemi, io non so più come fare, non oso nemmeno chiedergli come vorrebbe chiamare la figlia nel caso in futuro dovesse diventare padre.
Qualche suggerimento?

Cassa veloce massimo 10 pezzi

C:Buongiorno signora cassiera della cassa superveloce, massimo 10 pezzi.
S: Buongiorno signor cliente della cassa super veloce che ha fretta di uscire di qui e quindi fa poca spesa velocissima, come posso aiutarla?
C: Ho queste 8 cose da pagare
S: Ti do anche un sacchetto?
C: Si grazie
S: Scusa si ti ho dato del tu, ma con l’età che ho, ho un figlio di 38 anni
C: Nessun problema signora.
S: Sai io ho 5 figli
C: Complimenti signora
S: Si, e ho anche 4 nipotini
C: Signora, i rpeservativi li vendono anche qui
S: Come scusa?
C: No niente, cantavo
S: Aspetta che ti faccio vedere le foto
C: Signora, ho fuori la macchina parcheggiata in terza fila.
S: Ah, cosa faccio, carta o bancomat?
C: Bancomat, grazie
S: Non lo prende
C: Faccia carta allora
S: Mi digita il codice?
C: Ma ha fatto bancomat?
S: Si, me lo ha preso
C: Signora dove vado a prendere i coltelli in omaggio con i punti?
S: Deve andare al punto informazioni
C: Grazie, mille. Addio
 
 
C: Signora buongiorno, volevo prender i coltelli con i punti della tessera
S2: Deve rivolgersi alla cassa dove ha appena fatto la spesa.
C: Forse è meglio se i coltelli li prendo un’altra volta.
 
Per la cronaca
I coltelli alla fine li ho presi, ma dopo che li ho abbandonati nel levabo per lavarli si sono arruginiti (eppure c’era scritto che erano in acciaio inox)
Non ci sono più i supermercati di una volta…..

Delirium tremens Si Ciro, proprio come la birra

Il nuovo centro commerciale
Con l'aria condizionata a meno 12 °
Eppure c'è un sacco di gente
Sarà che un giorno alla settimana rimane aperto più del solito (ma non ricordo quale giorno)
Sarà che quel giorno chiude alle 22 (o erano le 21?)
Se leggera ti farai io sarò vento
per darti il mio sostegno senza fingere
Se distanza ti farai io sarò asfalto
che impronta sui tuoi passi senza stringere mai
Fuori è un giorno fragile
Ma tutto qui cade incantevole
Come quando resti con me